Kraft incassa il rifiuto di Unilever

Aristofane Mori
Febbraio 17, 2017

Il gruppo anglo-olandese ha infatti rifiutato l'offerta di fusione presentata dal totem dell'alimentare statunitense, che era arrivato a proporre 143 miliardi di dollari (134 miliardi di euro), una cifra che Unilever, altro gigante dell'alimentare (possiede decine di marchi importanti nel campo dell'alimentazione, bevande, prodotti per l'igiene e per la casa, e nel 2015 ha rilevato l'italiana Grom), ha ritenuto "sottostimata". Le trattative però vanno avanti. Kraft Heinz ha tempo fino al 17 marzo per presentare un'offerta ufficiale, qualora intenda farlo e la società statunitense- ha fatto sapere in un comunicato- che continuerà a lavorare per arrivare ad un accordo per un'acquisizione.

Alla Borsa di Londra a metà pomeriggio il titolo Unilever guadagna il 12% a 3,749.50 sterline per azione. Kraft Heinz e' frutto della fusione nel 2015 dei gruppi Heinz, conosciuto per il suo ketchup, e Kraft Foods (formaggi, salsicce, caffe') con la benedizione dei rispettivi azionisti di controllo, i miliardari americani Warren Buffett e lo svizzero-brasiliano Jorge Paulo Lemann. Unilever, che riceverebbe 30,23 dollari per azione in contante e 0,222 titoli della nuova società, ha spiegato di avere rispedito al mittente la proposta, perché sottovaluta il gruppo. L'affare avrebbe un valore superiore ai 125 miliardi di dollari e le due aziende insieme produrrebbero un fatturato di 85 miliardi di dollari, il secondo nel mercato del cibo dietro a quello della Nestlè (91,2). Kraft Heinz, che avanza decisa a Wall Street, vale 112 miliardi di dollari.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE